Blog navigation

Ultimi post

Panpepato

678 Visualizzazioni

Il panpepato o panforte nero è un dolce classico della tradizione senese. Il suo sapore è estremamente particolare, ricco e originale. La sua fattura, la sua consistenza e il suo carattere inconfondibile sono un retaggio antico e riportano chiunque indietro al medioevo. La croccantezza si alterna alla morbidezza della pasta, conferendo al panpepato una pienezza gustativa unica.

La ricetta originaria prevede l'uso di frutta candita: arance, fichi e soprattutto meloni, che venivano coltivati nella vicina piana di Rosia. Alla frutta candita viene amalgamata quella secca: mandorle, noci, miele (poi sostituito dallo zucchero), farina e spezie, soprattutto il pepe. Il panpepato è sempre stato un vanto della tradizione dolciaria senese; esso è presente in una famosa leggenda popolare che racconta le vicende della battaglia di Montaperti, nel 1260. La battaglia contrappose senesi e fiorentini. Pare che i senesi furono in grado di trionfare, grazie all’energia di un cibo naturalmente energetico e corroborante: il panpepato!

Leggende a parte, i panpepati erano considerati cibi estremamente pregiati data la presenza del preziosissimo pepe. Ne consegue che potevano essere preparati soltanto nei luoghi di transito e conservazione di questa spezia nobile: le spezierie e i monasteri.
Il panpepato è un dolce naturalmente privo di burro, di latte, di lieviti e di uova. Se desiderate abbinare il panpepato con un vino, scegliete un moscato.

Questo post sul blog ti è stato utile?
Pubblicato in: Toscana, Dolci

Commento di Facebook